La maschere tradizionali

CARLIN E MARIETTA

Si racconta che correva il lontano 1904, allorchè un ricco e burlone panettiere di Volvera, il signor Scalenghe Carlo, Schieppa o Carlin per gli amici, dopo aver inventato la ricetta e preparato con tanta dolcezza le famose paste di meliga per la gioia dei volveresi e non, decideva di prendere in moglie la bella e allegra Marietta. Dopo il fatidico “si” la portò in viaggio di nozze nella allora lontanissima Torino, per vedere la sfilata dei carri allegorici di Carnevale; il calesse degli sposi era un carro chiamato “trinciabale”, trainato da una coppia di buoi, che serviva per il trasporto dei tronchi di legna. Considerata l’originalità, gli organizzatori della sfilata carnevalesca non perdettero l’occasione e invitarono la coppia a prendervi parte come carro di apertura. Carlin, burlone e bontempone, fece c

redere a tutti di aver subìto, nel viaggio di nozza a Torino, ogni sorta di disavventura: dal furto del portafogli al biglietto del tram pagato ad ogni fermata, dal caffè consumato al Romano al prezzo di un pranzo completo alla prima notta di nozze in albergo in camere separate. Le maschere di Carlin e Marietta in realtà traggono origine dalle divertenti “scenette teatrali” ì, ambientate a Volvera, scritte da Corrado Colombo proprio nel 1904 e tradotte in molti dialetti. Dal 2008 tornano a sfilare ad ogni Carnevale rinnovando anno dopo anno il rito del matrimonio.

 

 GERBOLINO E ZUCCHERINA

I due nobili personaggi rappresentano le maschere ufficiali delle frazioni Gerbole e Zucche. A partire dal 1982 iniziarono a sfilare per le vie del paese mostrandosi in tutta la magnificenza degli abiti di velluto. L’elegante e aristocratica cornice rimarcava la differente estrazione sociale di Gerbolino e Zuccherina rispetto alle maschere popolari di Carlin e Marietta. Inoltre la tradizione vuole che, mentre Gerbolino e Zuccherina siano rappresentati da una coppia sposata, le maschere di Carlin e Marietta non devono aver legami tra loro. Gerbolino e Zuccherina, accompagnati da alcuni paggetti, sono state riproposte nel corso del Carnevale 2009 e da allora sono stati sempre presenti alle sfilate volveresi e nei paesi limitrofi. Da “Guida Turistica Volvera”